partite iva e presunzione di lavoro subordinato

Al sussistere di determinati indici e in assenza di prova contraria, il rapporto di lavoro autonomo con P.iva è riqualificato come rapporto di lavoro dipendente a tempo indeterminato. In assenza di prova contraria, l’organo ispettivo o il giudice possono procedere alla riqualificzone del rapporto di lavoro con tutte le conseguenze sanzionatorie del caso.

LA PRESUZNIONE LEGALE – CONDIZIONI art. 69bis D.Lgs. 276/2003

Per riqualificare il lavoro autonomo come lavoro dipenente devono verificarsi almeno 2 delle seguenti condizioni:

  • criterio temporale: la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva a 8 mesi annui per 2 anni consecutivi 
  • criterio fatturato: corrispettivo derivante da tale collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro di imputazione di interessi, costituisca più dell’80% dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore nell’arco di 2 anni solari consecutivi
  • criterio organizzativo: il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente

CAUSE DI ESCLUSIONE PRESUNZIONE – la presunzione non opera per tutte quelle prestazioni:

  • caratterizzate da competenze teoriche di grado elevato acquisite significativi eprcorsi formativi ovvero da capacità tecnico/pratiche acquisite attreverso esperieze maturate nell’esercizio concredto di attività. Le stesse devono essere svolte da un soggetto titolare di un reddito annuo lordo da lavoro autonomo non inferiore a 1,25 volte il livello minimo imponibile previdenziale Inps
  • svolte nell’esercizio di attività professionali per le quali l’ordinamento richiede un’iscrizione ad un ordine professionale/ruoli/registri

REGIME FORFETTARIO

E’ prevista l’impossibilità di accedere a tale regime per chi svolge un’attività d’imrpesa o professionale “prevalentemente” (più del 50%) nei confronti del datore di lavoro ovvero di uno dei datori di lavoro dei due anni precedenti. La limitazione opera indipendentemente che il lavoro dipendente sia cessato o meno. Tale causa ostativa non opera per le cd. “pratiche obbligatorie” ai fini dell’iscrizione in appositi albi professionali

SOLUZIONI

Oltre che a verificare quanto sopra, si congislia di predisporre sempre idonea documentaizone che attesti le competenze di grado elevato richieste nell’esecuzione del lavoro e ricorrere alla certificazione dei contratti di lavoro autonomo. Un contratto previamente certificato produce effetti che devono essere disconosciuti da una sentenza di merito e non consente agli organi ispettivi di procedere ad una riqualificazione diretta del rapporto in mancanza di detta sentenza.

SCARICA PDF

Potrebbe Interessarti

Iscriviti alla
Newsletter

Rimani informato su tutte le novità
economiche fiscali, bandi e agevolazioni

SCOPRI

Contatti

SCARICA LA BROCHURE
CONTINUA A SCORRERE